venerdì, ottobre 27, 2006
Report - A tutto gas
Riporto dal sito della trasmissione Report:
A TUTTO GAS
In onda domenica 29 ottobre alle 21.30

L’inverno è alle porte e siamo pronti a scommettere che anche quest’anno si parlerà di “emergenza Gas”.

Lo scorso inverno ci furono dibattiti e grandi titoli sui giornali perché la Russia aveva chiuso momentaneamente i sui rubinetti e sembrava che se fossimo morti dal freddo sarebbe stata colpa del fatto che in Italia non c’erano riserve sufficienti.

E allora tutti a parlare improvvisamente di emergenza e della necessità di costruire dei rigassificatori che in molti non vogliono sul proprio territorio. In realtà quella momentanea chiusura dei rubinetti russi ha inciso per poco più del 2 per cento sul nostro fabbisogno di gas.

Perché allora si parla di emergenza, quando alcune società italiane quali Enel ed Edison, nei momenti di bisogno hanno venduto all’estero l’energia prodotta dal nostro gas?

Eppure si continua a far credere che l’emergenza è grossa e che non possiamo fidarci dei distributori che ci inviano gas via tubo, africani o russi che siano e che bisogna diversificare le fonti di approvvigionamento.

Tutto questo potrebbe essere anche giusto, ma che fine ha fatto l’energia rinnovabile in Italia e perché un premio Nobel come Carlo Rubbia è stato costretto ad andare in Spagna per realizzare la prima centrale elettrica al mondo a funzionare con energia solare?
Segnalo (grazie Cris) che verranno presentate anche interviste a Maurizio Pallante, Mario Palazzetti, Paolo Ermani ed esempi concreti di realizzazioni in bioedilizia in Germania per la riduzione dei consumi energetici e l'utilizzo di fonti rinnovabili.

Palazzetti e Pallante hanno pubblicato insieme il libro "
L'uso razionale dell'energia. Teoria e pratica del negawattora".
 
posted by Daniele at 8:57 AM | Permalink |


5 Comments:


  • At 1:05 PM, Anonymous Franz

    Grazie per l'assai invitante dritta! Un degno finale per il Festival di Colorno.
    Ciao.

     
  • At 10:47 AM, Blogger Daniele

    Allora avete visto la puntata di Report di ieri sera?

    Quando hanno iniziato a parlare della case passive in Germania mi è sembrato di rileggere alcuni passi del libro "Un futuro senza luce?" di Maurizio Pallante.

    Ho trovato la puntata molto interessante, anche perchè, ad di là della pericolosità di costruire i rigassificatori, si è ben messo in evidenza, a mio modo di vedere, quanto è assurdo puntare tutto sull'aumento dei consumi quando ci sarebbe invece il modo per ridurli drasticamente. Speriamo serva a qualcosa!

    Copio e incollo soltanto i due interventi di Maurizio Pallante:

    "Se una casa viene ristrutturata in maniera tale da ridurre al minimo i suoi consumi energetici e di passare dai 20 litri al 2 all’anno anche a 3 litri al m2 all’anno si risparmiano ogni anno molti litri di gasolio e molti euro. Questi euro possono essere reinvestiti per esempio per mettere dei pannelli solari termici, per mettere dei pannelli solari fotovoltaici. I pannelli solari termici all’interno di una casa ristrutturata, possono soddisfare non soltanto il fabbisogno di acqua calda sanitaria ma anche il fabbisogno di riscaldamento. La somma di questi 2 aspetti, della riduzione dei consumi e della sostituzione delle fonti fossili con fonti rinnovabili, consente di affrontare in maniera significativa il fabbisogno energetico senza ricorrere a un aumento di consumi di fonti fossili."

    ...

    "La domanda di energia ha un andamento variabile nel corso della giornata, raggiunge dei picchi e raggiunge dei livelli più bassi, I picchi durano poche ore nel corso della giornata, se ci fossero delle grandi centrali finalizzate a soddisfare la domanda di picco, il costo del Kwh prodotto da queste centrali sarebbe altissimo, molto più alto del costo di altre centrali che lavorano per un maggior numero di ore al giorno e quindi producono più Kwh al giorno. Se invece nelle ore di picco c’è una miriade di piccoli impianti che riversano in rete le loro eccedenze non c’è più bisogno di avere queste centrali."

    Meno interessante mi è sembrato l'intervento di Rubbia che vorrebbe colonizzare il deserto e ricoprirlo con chilometri e chilometri quadrati delle sue centrali elettriche solari...

    Il testo di tutta la puntata lo potete visualizzare qui.

     
  • At 11:02 AM, Anonymous paolo

    aum, avevo provato a mettere un commento ieri ma sto cacchio di blooger.com non li accettava...
    ad ogni modo, se ti interessa, paolo ermani di paea è un mio amico quasi fraterno e fa corsi sulla materia in germania ogni agosto (i cui prezzi sono al limite del risibile nell'anno 2006, per inciso). secondo me ti potrebbe piacere, oltretutto lui in persona è la quintessenza della decrescita...
    paolo-veganriot

     
  • At 11:35 AM, Blogger Daniele

    Ciao paolo, che piacere che tu scriva qui!:-)

    Per quanto riguarda quei corsi, chissà... vedremo... certo la germania non è proprio dietro l'angolo!;) Non organizza corsi analoghi anche in italia?

    Purtroppo noi abbiamo ancora qualche problema di visualizzazione del tuo sito... :-(

    Ciao ciao

     
  • At 5:14 PM, Anonymous paolo

    daniele, scrivimi al mio indirizzo per favore

    vecchiosaggiohc@hotmail.it