giovedì, aprile 05, 2007
Agricoltura naturale
Per "chiudere" (si fa per dire) il cerchio attorno alla questione dell'agricoltura "nonviolenta" (cioè l'agricoltura che non utilizza prodotti di origine animale, ma ovviamente nemmeno fertilizzanti chimici e inquinanti!), vi posto questo articolo che riassume i punti fondamentali dell'agricoltura naturale (anche detta "agricoltura del non fare") di Masanobu Fukuoka. Non sono un'esperto, nè tantomeno ho il pollice verde (anche se mi piacerebbe sperimentare) però credo che sia comunque importante divulgare queste informazioni, non trovate?



Le tecniche agricole moderne sembrano necessarie perchè l'equilibrio naturale dell'ecosistema è stato così profondamente alterato che la terra oggi non può più farne a meno. Questa logica non vale solo per l'agricoltura ma anche per altri aspetti della società. Allo stesso modo, i medici e la medicina diventano necessari quando la gente si costruisce un ambiente malato.

Prima della fine della guerra, quando andai su all’agrumeto a mettere in pratica quella che allora credevo fosse agricoltura naturale, non feci alcuna potatura e lasciai il frutteto a sé stesso. I rami si aggrovigliarono fra loro, le piante furono attaccate dai parassiti e quasi un ettaro di mandarineto seccò e morì. Da allora ebbi sempre in mente un interrogativo?: “Qual è la forma naturale?”. Per arrivare alla risposta fui costretto a sacrificare altre 400 piante e finalmente oggi posso dire: “Il metodo naturale è questo”.

Devo ammettere di aver avuto la mia parte di insuccessi durante i quarant’anni che ho dedicato alla ricerca, ma adesso riesco a ottenere raccolti uguali o anche migliori, sotto ogni aspetto, rispetto a quelli coltivati in maniera convenzionale. E cosa più importante: il mio metodo ha successo con una minimo apporto di lavoro e con costi decisamente ridotti, inoltre in nessun momento del processo di coltivazione c’è il più piccolo impiego di prodotti inquinanti, il tutto senza depauperare la fertilità del terreno.

Il metodo della “non-azione” è basato su quattro principi fondamentali:

... continua...
 
posted by Daniele at 2:25 PM | Permalink |


1 Comments:


  • At 10:50 AM, Blogger Riccardo

    Agricoltura e Non-fare... più decrescita di così! In italia c'è qualcuno che la pratica nella Rete Bioregionale e si dice soddisfatto. Speriamo che questa "filosofia" abbia diffusione, almeno per poterla valutare adeguatamente.